You are currently browsing the category archive for the ‘Media’ category.

Da qualche anno Silvio Berlusconi è solito parlare di pressione fiscale quando si riferisce alle tasse.

Non è un’espressione neutra ma è portatrice di un punto di vista molto netto sulle tasse, quello della destra.

È quindi un’espressione che i politici di sinistra dovrebbero accuratamente evitare.

Lo spiego in un estratto di “Le parole importanti” pubblicato su The Frontpage, la rivista di approfondimento politico fondata da Fabrizio Rondolino e Claudio Velardi.

Leggi il seguito di questo post »

Nell’estratto di Le parole sono importanti pubblicato nei giorni scorsi dal quotidiano ecologista Terra (qui il link) parlavo del successo di Beppe Grillo inserendolo nel contesto di una generalizzata tendenza alla spettacolarizzazione della politica. Vale la pena ritornare sull’argomento anche con l’ausilio di qualche immagine.

Leggi il seguito di questo post »


dal blog del libro Le parole sono importanti

“Un lavoro particolarmente attuale, dopo la battaglia politica per le elezioni amministrative”, così il quotidiano ecologista Terra definisce “Le parole sono importanti”, del quale riporta un estratto dal capitolo dedicato a Beppe Grillo.

L’articolo svela alcune delle ragioni dell’efficacia della comunicazione di Grillo, per esempio la sua familiarità con il racconto di storie che utilizza nel corso dei suoi interventi per “chiarire e far risaltare gli elementi essenziali del suo messaggio politico”.

Un esempio celebre è la storia della “patatina Pai.

Leggi il seguito di questo post »

Dino Amenduni è uno dei maggiori esperti di nuovi media e comunicazione politica in Italia. In un suo articolo sul suo blog su il Fatto quotidiano cita “Le parole sono importanti”.

Così scrive Amenduni:

La parola ‘narrazione’ è stata spesso oggetto di ironie negli ultimi tempi: in realtà è però il cuore della costruzione di consenso dell’Italia berlusconiana e, forse, della recente storia della (comunicazione) politica nel mondo occidentale. Per governare serve una storia, un sogno o un obiettivo facilmente descrivibile. Un’identità, insomma. A Gemonio come a Washington. Nelle stanze di Via Bellerio come nello staff di Obama.

Leggi il seguito di questo post »

Ieri è venuta ad intervistarmi la tv nazionale sud coreana KBS per un reportage su “Berlusconi e la costituzione italiana”. Volevano sapere come Berlusconi è riuscito a diventare presidente del consiglio, quali sono le sue strategie politiche e i suoi punti di forza.

Non poteva mancare la fatidica domanda: “Come è possibile che rimanga presidente del consiglio nonostante gli scandali sessuali?”. Ho provato a rispondere con la solita imparzialità e con una prospettiva complessa, rifuggendo ogni semplificazione riduzionista. Spero di esserci riuscito.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Oggi ero ospite di Sky Tg24 per commentare l’intervento di Berlusconi in Senato. In attesa del video carico qualche foto.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

 

Sul tema dei rapporti tra i politici e il web, sono stato intervistato dalla redazione del portale Fastweb.it.

[…] La mia impressione? È che in Italia l’era della politica 2.0 è ancora lontana. I nostri parlamentari pensano con una mentalità antica: vogliono andare nello spazio con un carretto trainato dai cavalli… […]

Leggi l’intervista completa

“Il bunga-bunga minaccia Berlusconi” è il titolo di un articolo uscito su Newsweek dove è stata citata una mia dichiarazione (la trovi a pagina 2).

Lo puoi leggere qui.

Il libro

Le parole sono importanti (Carocci editore)

Seguimi su Twitter

Chi sono

Gianluca Giansante, ricercatore, formatore e consulente di comunicazione... continua

Iscriviti

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 1.204 follower